Ear training – Intervals – 2nd

The first exercise I recommend concerns the recognition of both ascending and descending second intervals, namely for example:

Do-Re (major second – 1 tone – ascending)
Re-Do# (minor second -1/2 tone – discending).

They are simple but sometimes they can be confused.

You will notice that the difficulty can also vary from the area of the range in which the notes are proposed. Even the instrumental timbre can be a reason for greater ease or difficulty. But in this case the App always offers them with the same sound.

If you have any doubts in recognition, imagine the two notes as being part of a major scale.
The major second interval is how the scale begins.
The semitone interval (minor second) is the way the scale ends (B-C)

… Think and imagine the sounds. And remember that we can only sing well the notes we can think of (without necessarily emitting them).

Have a good practice !
if you have any question contact@demovoxlab.com

MyEarTraining

I have just discovered a new great App for Ear training: “MyEarTraining” (iOS and Android) is simply perfect if you want to dedicate some time to improve your ear. There are many different exercises on intervals, scales, chords, random melodies, chords progressions, and reading. But most of all, you can personalize your exercises and have many statistical results as a feedback. You can even set a minimum daily time for practice and the App check your training time.
So you can use it 2-3 minutes at a time during your spare time… untill you arrive for example at 10 or 15 min per day.
I’m thinking to make a tutorial on this App in the next weeks. In the meanwhile, have a look!
And please tell me what you think about.

Don’t like listening to your recorded voice?

The reason is scientific.

Listening to our voice while we speak or sing takes place both by air (external) and by bone (internal). On the other hand, when we listen to a recording, the sound reaches our ears only externally, distorting our perception. For this reason, generally the perception of our sound in real time is deeper and the timbre we perceive is darker and more pleasant.

It is like seeing ourselves in the mirror or in a photograph: generally we prefer the mirror.
Photography is merciless.

How a song is born: Zombie (Cranberries)

Zombie was released as the lead single from The Cranberries’ second album. It was composed by Dolores O’Riordan in 1993 in memory of two boys, Jonathan Ball and Tim Parry, who were killed in an IRA bombing in Warrington in England on March 20 of that year.

Zombie is the first song with political content written by Dolores O’Riordan and also musically deviates from the previous production of the group. The song is an aggressive and angry grunge piece in which the singer’s usually sweet and sunny voice appears unusually harsh, in line with the rawness of the lyrics. This is a clear denunciation of the violent situation in which Northern Ireland still found itself. In the text it recalls the events of the Easter revolt of 1916: “It’s the same old theme since nineteen-sixteen”.

Dolores in concert.

The revolt constituted a test bench, for the first time in history, of tanks, which in a few months were also used in the operations of the First World War. She was sedated in six days, and her leaders were court-martialed and then all executed. Despite its failure, the episode is now considered one of the cornerstones for the future creation of the current Republic of Ireland.

There are countless artistic and literary references to this historical period and this tormented region, whose people have always had music in their DNA. Among them, the film Ryan’s Daughter takes place in Ireland in the immediate aftermath of the Easter riot; at the beginning of the film, the character played by Robert Mitchum reports to his fellow villagers about the executions of the patriots in Dublin.

In the novel “A Star Named Henry”, by Roddy Doyle (author of the legendary “The Commitments”) two little brothers Henry and Victor flee home to escape violence and misery, taking refuge in the most infamous neighborhoods of old Dublin, places of his history: from the Easter Rising of 1916, after an adolescence spent in the Liberty Hall of the trade unionists of Sinn Féin, up to the Irish war of independence of 1920-21, and the civil war of 1923.

In the film “Giù la testa” by Sergio Leone, the motorcyclist played by James Coburn is John Mallory (Séan, in Irish, hence the recurring leitmotiv in Ennio Morricone’s wonderful soundtrack), a dynamite expert and former revolutionary of the transplanted IRA in the Mexican Revolution of 1913. The film had been released in 1971, when the attacks of the IRA had become terribly relevant again. Even Kenneth Branagh’s autobiographical film Belfast, recently released, narrates the dramatic events of the child author, lived in the alleys of the city inhabited by Catholics and Protestants, the attacks and the violent repressions of the riots.

In reality, Dolores O’Riordan, when asked about what political significance her song had in relation to the Northern Irish conflict, said she never thought about this, but wrote the song only as a reaction to the death of a child in England due to of the Warrington bombing, and of having written it straight away, in less than 20 minutes. The song is mainly dedicated to the inhumanity of violence: zombies are those who do not see, now addicted as the living dead, the senselessness of endless violence, only capable of “breaking another mother’s heart”.

In the text, a reference to the song The Town I Loved So Well written in 1973 by Irish musician Phil Coulter was seen and dedicated to his city, Derry, in Ulster, one of the pivotal places of the Northern Irish conflict and home of the infamous Bloody Sunday during the which 14 people were killed by the British army. In the text there is a verse that mentions tanks and guns, tanks and guns, as in the song of the Cranberries.

Having become the Cranberries’ biggest hit, Zombie has often been juxtaposed with other famous antiwar songs such as John Lennon’s Imagine and Irish U2’s Sunday Bloody Sunday.

In 2018 the American metal group Bad Wolves made a reinterpretation of the song in which Dolores O’Riordan was also supposed to take part; the singer was in London to make this recording when she passed away in her hotel room, leaving her fans around the world orphaned. It is significant that the young Russians arrested for their anti-war protests in Ukraine were singing Zombies as they were taken to prison … and that the Russian journalist who bravely protested on TV before being arrested shouted “no allow the Russian people to be zombified. ”

Patrizia Rossi

Non ti piace ascoltare le tua voce registrata?

Il motivo è scientifico.
L’ascolto della nostra voce mentre parliamo o cantiamo avviene sia per via aerea (esterna) che per via ossea (interna). Quando invece ascoltiamo una registrazione, il suono arriva alle nostre orecchie solo per via esterna, falsando la nostra percezione. Per questo motivo generalmente la percezione del nostro suono in tempo reale è più profonda e complessa ed il timbro che percepiamo è più profondo e gradevole.
E’ come vederci allo specchio o in fotografia: generalmente si preferisce lo specchio. La fotografia è impietosa.

Ear training – intervalli di seconda

Intervalli di seconda

Il primo esercizio che vi consiglio riguarda il riconoscimento delgi intervalli di seconda sia ascendenti che discendenti, vale a dire per esempio:

Do-Re (seconda maggiore – 1 tono – ascendente)
Re-Do# (seconda minore -1/2 tono – discendente).
Sono semplici, ma a volte si possono confondere.

Noterete che la difficoltà può variare anche dalla zona dell’estensione in cui le note vengono proposte. Anche il timbro strumentale può essere motivo di maggiore facilità o difficoltà. Ma in questo caso l’App li propone sempre con lo stesso suono.
Se avete dei dubbi nel riconoscimento, immaginate le due note come facenti parte di un scala maggiore. L’intervallo di seconda maggiore costituisce il modo in cui la scala comincia.
L’intervallo di semitono (seconda minore) è il modo in cui la scala termina (Si-Do)…
Pensate e immaginatevi i suoni. E ricordatevi che noi siamo in grado di cantare bene solo le note che riusciamo a pensare (senza necessariamente emetterle).

Buono studio

P.S. Mandatemi le vostre eventuali domande a contact@demovoxlab.com

MyEarTraining – ITA

Ho appena scoperto una nuova fantastica App di Ear training: “MyEarTraining” (iOS e Android) è semplicemente perfetta se vuoi dedicare del tempo a migliorare le tue capacità di ascolto. In questa App infatti ci sono molti esercizi su intervalli, scale, accordi, melodie casuali, progressioni di accordi e lettura musicale. Ma soprattutto è possibile personalizzare i tuoi esercizi e avere un feedback statistico molto completo. Puoi anche impostare un tempo minimo giornaliero per la pratica e l’app controlla il tempo di allenamento. Quindi puoi usarlo 2-3 minuti alla volta durante il tuo tempo libero… fino ad arrivare al tempo minimo prefissato (per esempio a 10 o 15 minuti al giorno).
Sto pensando di fare un tutorial su questa App nelle prossime settimane. Intanto date un’occhiata!

Come nasce una canzone: Zombie

Zombie fu pubblicata come primo singolo tratto dal secondo album de The Cranberries. Fu composta da Dolores O’Riordan nel 1993 in memoria di due ragazzi, Jonathan Ball e Tim Parry, rimasti uccisi in un attentato dell’IRA a Warrington in Inghilterra il 20 marzo di quell’anno.

Zombie è la prima canzone dal contenuto politico scritta da Dolores O’Riordan e anche musicalmente si discosta dalla precedente produzione del gruppo. La canzone è un aggressivo e arrabbiato pezzo grunge in cui la voce, solitamente dolce e solare della cantante, appare insolitamente dura, in linea con la crudezza del testo. Si tratta di una chiara denuncia della situazione di violenza in cui ancora versava l’Irlanda del Nord. Nel testo richiama le vicende della rivolta di Pasqua del 1916:  “It’s the same old theme since nineteen-sixteen“.

Dolores in concerto

La rivolta costituì un banco di prova per l’impiego, per la prima volta nella storia, dei carri armati, da lì a pochi mesi utilizzati anche nelle operazioni della Prima guerra mondiale. Fu sedata in sei giorni, ed i suoi leader furono processati dalla corte marziale e poi tutti giustiziati. Nonostante il suo insuccesso, l’episodio è oggi considerato uno dei punti saldi per la futura creazione dell’attuale Repubblica d’Irlanda.

Innumerevoli sono i riferimenti artistici e letterari a questo periodo storico e a questa martoriata regione, il cui popolo ha da sempre la musica nel suo DNA. Tra questi, il film La figlia di Ryan si svolge in Irlanda nel periodo immediatamente successivo alla rivolta di Pasqua; all’inizio del film il personaggio interpretato da Robert Mitchum riferisce ai suoi compaesani delle esecuzioni dei patrioti a Dublino.

Nel romanzo “Una stella di nome Henry”, di Roddy Doyle (autore del mitico “The Commitments”) due fratellini Henry e Victor fuggono di casa per sottrarsi alla violenza e alla miseria, rifugiandosi nei quartieri più malfamati  della vecchia Dublino, luoghi della sua storia: dalla Rivolta di Pasqua del 1916, dopo un’adolescenza passata nella Liberty Hall dei sindacalisti dello Sinn Féin, fino ad arrivare alla guerra d’indipendenza irlandese del 1920-21, e alla guerra civile del 1923.

Nel film “Giù la testa” di Sergio Leone, il motociclista interpretato da James Coburn  è John Mallory (Séan, in irlandese, da cui il leitmotiv ricorrente nella stupenda colonna sonora di Ennio Morricone), un esperto dinamitardo ed ex rivoluzionario dell’IRA trapiantato nella rivoluzione messicana del 1913. Il film era uscito nel 1971, quando gli attentati dell’IRA erano tornati terribilmente attuali. Anche l’autobiografico film Belfast di Kenneth Branagh, uscito recentemente, narra le drammatiche vicende dell’autore bambino, vissute nei vicoli della città abitati da cattolici e protestanti, gli attentati e le violente repressioni delle sommosse.

In realtà Dolores O’Riordan, interpellata su quale valenza politica avesse la sua canzone in relazione al conflitto nordirlandese, ha detto di non aver mai pensato a questo, ma di aver scritto la canzone solo come reazione alla morte di un bambino in Inghilterra a causa dell’attentato di Warrington, e di averla scritta di getto, in meno di 20 minuti. La canzone è dedicata principalmente alla disumanità della violenza: gli zombi sarebbero coloro che non vedono, ormai assuefatti come dei morti viventi, l’insensatezza della violenza senza fine, soltanto capace di «spezzare il cuore di un’altra madre».

Nel testo è stato visto un riferimento alla canzone The Town I Loved So Well scritta nel 1973 dal musicista irlandese Phil Coulter e dedicata alla sua città, Derry, nell’Ulster, uno dei luoghi cardine del conflitto nordirlandese e sede della famigerata Bloody Sunday durante la quale 14 persone furono uccise dall’esercito britannico. Nel testo è presente un verso che cita tanks e guns, carri armati e pistole, come nella canzone dei Cranberries.

Divenuta il più importante successo dei Cranberries, Zombie è stata accostata spesso ad altre celebri canzoni contro la guerra come Imagine di John Lennon e Sunday Bloody Sunday degli irlandesi U2.

Nel 2018 il gruppo metal statunitense Bad Wolves ha realizzato una reinterpretazione del brano a cui avrebbe dovuto prendere parte anche Dolores O’Riordan; la cantante si trovava a Londra per effettuare tale registrazione, quando è deceduta nella sua stanza d’albergo, lasciando orfani i suoi fans in tutto il mondo. E’ significativo il fatto che i giovani russi arrestati per le loro proteste contro la guerra in Ucraina stessero cantando Zombie mentre venivano portati in prigione…e che la giornalista russa che ha coraggiosamente protestato in tv, prima di essere arrestata abbia gridato “non permettete al popolo russo di essere zombificato”.

Patrizia Rossi

How a song is born: Over the rainbow

Known as one of the most beautiful and best-known songs of all time (US record companies voted it “best song of the twentieth century”), Over the Rainbow (also known as Somewhere Over the Rainbow) is a song written by Harold Arlen with lyrics by E.Y. Harburg for the 1939 film The Wizard of Oz.

Arlen thought of the melody while sitting in his car in front of a Hollywood drug store. Harburg was not enthusiastic at first because he considered it too slow: they submitted it to Ira Gershwin (brother of the more famous George, but a great composer himself) who accelerated the pace. The new version convinced Harburg, who adapted the text.

The song was immediately a great success: it won the Oscar for best original song the same year (in which Gone with the Wind won the Oscar) and in 1981 it won the Grammy Hall of Fame Award. Since 2011 it has become an Andrew Lloyd Webber musical staged for the first time at the London Palladium, and still repeated today in other theaters.

The original version is sung by Judy Garland (future Liza Minnelli’s mother) who was 17 at the time and was chosen to play Dorothy, a teenage dreamer, as an alternative to Shirley Temple, already famous at the time, but still 10 years old, too small for the part.

The text talks about the power of fantasy, and the hope that makes us believe in a better world: at the time the theme was somehow linked to Roosevelt’s New Deal which represented hope after the Great Depression.

Due to the close relationship with Judy Garland (heterosexual, but considered a gay icon) and the message of hope contained in the text, over the decades the song has become one of the greatest anthems of the homosexual liberation movement, of which the flag rainbow is precisely a symbol. Furthermore, it is speculated that this song was one of the reasons that led to the choice of the rainbow for the flag of the LGBT community, which was then waved at the first Gay Pride in history at San Francisco in 1978. Later the rainbow also became the background of the flags for PEACE.

Over the Rainbow theme has a certain harmonic and melodic resemblance to the theme of the interlude (known as Ratcliff’s Dream) by Pietro Mascagni’s opera Guglielmo Ratcliff, composed in 1895.

There are many singers who have ventured into the execution: in fact, there are over 650 covers of the song, including Eric Clapton, Ray Charles, Keith Jarrett, Ariana Grande, Santo & Johnny, Nikka Costa, and the Italian versions of Caterina Valente and Neil Sedaka. It has also come back into vogue more recently thanks to the medley of the Hawaiian artist Israel Kamakawiwo’ole called Iz, which is composed of Somewhere Over The Rainbow and What a Wonderful World (the second is by Louis Armstrong), a very suggestive version of only accompanied voice, from the ukulele. In the latter part of his life, Iz suffered severe obesity, weighing 343 kg. He was hospitalized several times and died of respiratory problems in 1997 at the age of only 38. Sad testimony of the fact that the typical problems of the modern world have today also reached the Pacific Ocean paradises, now no longer pristine.

If you want, you can also listen to the vocal improvisation about “Over the rainbow” created by Roberto Demo, live on his YouTube channel on April 6th 2022.

Patrizia Rossi

Come nasce una canzone: Over the rainbow

Conosciuta come una delle canzoni più belle e più note di tutti i tempi (i discografici statunitensi l’hanno eletta “miglior canzone del XX secolo”), Over the Rainbow (anche nota con il titolo Somewhere Over the Rainbow) è una canzone scritta da Harold Arlen con testi di E.Y. Harburg per il film Il mago di Oz del 1939.  Il titolo significa letteralmente “Oltre l’arcobaleno”.

Ad Arlen venne in mente la melodia mentre era seduto in auto davanti ad un Drug Store di Hollywood. Harburg all’inizio non ne fu entusiasta perchè la considerava troppo lenta: la sottoposero a Ira Gershwin (fratello del più famoso George, ma grande compositore lui stesso) il quale ne accelerò il ritmo. La nuova versione convinse Harburg, che vi adattò il testo.

Il brano ebbe subito un grande successo: vinse l’Oscar come miglior canzone originale l’anno stesso (in cui Via col vento fece man bassa di Oscar) e nel 1981 ha vinto il Grammy Hall of Fame Award. Dal 2011 è divenuta un musical di Andrew Lloyd Webber messo in scena per la prima volta al London Palladium, e replicato ancora oggi in altri teatri.

La versione originale è cantata da Judy Garland (futura madre di Liza Minnelli) che all’epoca aveva 17 anni e fu scelta per interpretare Dorothy, una adolescente sognatrice, in alternativa a Shirley Temple, all’epoca già famosa, ma a 10 anni ancora troppo piccola per la parte.

Il testo parla del potere della fantasia, e della speranza che ci fa credere in un mondo migliore: ai tempi il tema era in qualche modo legato al New Deal di Roosevelt che rappresentava la speranza dopo la Grande Depressione.

Per lo stretto legame con Judy Garland (eterosessuale, ma considerata un’icona gay) e per il messaggio di speranza contenuto nel testo, nel corso dei decenni il brano è divenuto uno dei più grandi inni del movimento di liberazione omosessuale, di cui la bandiera arcobaleno è appunto un simbolo. Inoltre si ipotizza che questa canzone sia stata uno dei motivi che portarono alla scelta  dell’arcobaleno per la bandiera della comunità LGBT, che fu poi sventolata al primo Gay Pride della storia, quello di San Francisco nel 1978. In seguito l’arcobaleno divenne anche lo sfondo delle bandiere per la PACE.

Il tema di Over the Rainbow presenta una certa somiglianza sia armonica che melodica con il tema dell’intermezzo (noto come Sogno di Ratcliff) dell’opera Guglielmo Ratcliff di Pietro Mascagni, composto nel 1895.

Tantissimi sono i cantanti che si sono cimentati nell’esecuzione: si contano infatti oltre 650 cover della canzone, tra cui Eric Clapton, Ray Charles, Keith Jarrett, Ariana Grande, Santo & Johnny, Nikka Costa, e le versioni in italiano di Caterina Valente e Neil Sedaka. Inoltre è ritornata in auge più recentemente grazie anche al medley dell’artista hawaiano  Israel Kamakawiwo’ole detto Iz, che è composto da Somewhere Over The Rainbow e What a Wonderful World (la seconda è di Louis Armstrong) versione molto suggestiva di sola voce accompagnata dall’ukulele. Nell’ultima parte della sua vita, Iz patì una grave forma di obesità, arrivando a pesare 343 kg. Fu più volte ricoverato in ospedale e morì per problemi respiratori nel 1997 all’età di soli 38 anni. Triste testimonianza del fatto che i problemi tipici del mondo moderno abbiano oggi raggiunto anche i paradisi dell’Oceano Pacifico, ormai non più incontaminati.

Se vuoi puoi ascoltare anche l’improvvisazione vocale di “Over the rainbow” realizzata da Roberto Demo, in diretta sul suo canale YouTube il 6 aprile 2022.

Patrizia Rossi